KARKADE’, GUSTATI IL COLORE DELL’ESTATE!

KARKADE’ ED E’ SUBITO ESTATE: CON IL SUO SAPORE ACIDULO, IL COLORE INTENSO E L’AROMA INEBRIANTE CHE SOLLETICA IL NASO, E’ L’INFUSO CHE ACCAREZZA OGNI SENSO DONANDO UN’IMMEDIATA FRESCHEZZA E BENESSERE DURANTE LA CALDA STAGIONE

Per la nostra tintura estiva ho scelto i petali essiccati della pianta d’Ibisco, il Karkadè. Sicuramente avrai assaggiato la bevanda profumata e gustosa che se ne ricava… e avrai notato il suo bel colore rosa intenso… intensissimo! Per questo ho pensato di unire l’utile al dilettevole e sono andata in erboristeria a fare una bella scorta di Karkadè. In questo modo possiamo gustare una bevanda saporita e rinfrescante mentre tingiamo i nostri filati/tessuti… L’infuso di Karkadè ha moltissime proprietà, ma quella di cui subisco il fascino maggiore è il suo colore… sembra di bere una pozione magica quando se ne versa un poco in un bicchiere trasparente e una volta assaporata… la favola è già cominciata!


 PREPARAZIONE: 5 minuti + tempo di posa  COTTURA: 30minuti c.ca  DIFFICOLTA’: nessuna  COSTO: basso

TINTURA DI KARKADE’_ INGREDIENTI

PER TINGERE 50 GR DI TESSUTI/FILATI
  • Karkadè essiccato, io l’ho comprato dall’erborista di fiducia ed è costato meno delle bustine al supermercato! Poiché volevo ottenere un colore intenso ho cercato di estrarre una tintura ben concentrata. Per 50 gr carsi di materiale da tingere ho utilizzato ben 80 gr di karkadè… 20 gr li ho lasciati per preparare la tisana che ho messa in frigorifero e bevuta freddissima mentre tingevo… un ottimo stimolante energizzante!
  • acqua 1 litro circa, o comunque la quantità necessaria perché il materiale sia ben immerso
  • 50 gr di tessuti/filati già mordenzati. Come sempre, s e non sai come mordenzare il tuo materiale, leggi QUI, troverai sia il procedimento di mordenzatura con allume di rocca che con latte di soia. Questa volta ho mordenzato con l’allume di rocca.

TINTURA DI KARKADE’_PROCEDIMENTO

PER PREPARARE LA TINTURA sarà sufficiente procedere come quando si prepara una tisana… o almeno 10 tisane! Questa volta ho utilizzato un pentolino piccolo e ho versato appena 1 litro di acqua in cui ho immerso ben  80 gr di KarkadèProvatelo non soltanto per il colore che subito generoso si diffonde nell’acqua, ma anche per il profumo inebriante che si diffonderà in cucina e presto in tutta la casa! Con tutti questi fiori profumati l’estate prende dimora in casa vostra… UNA VERA FAVOLA!

Dopo aver fatto sobbollire il karkadè per circa 30-40 minuti a fuoco basso, coprendo il pentolino con un coperchio per non fare evaporare tutto, si lascia freddare tutto il contenuto anche per l’intera notte… o comunque quando la tisana è ben fredda si procede con il colino ad estrarre tutto il colore rimasto tra i petali… ho ottenuto un estratto molto concentrato e denso, quasi come lo sciroppo della nonna!

Cercando liberarmi di qualcosa per fare spazio a qualcos’altro ( abito in una casina piccolina!)  mi son ritrovata a svuotare una vecchia valigia… gran parte delle cose che vi ho trovato son finite nei bidoni gialli della raccolta degli abiti sparsi per la città. Ma in mezzo a tutto il resto, non son riuscita a liberarmi di alcuni centrini fatti a mano chissà da quale delle mie antenate!! Li riconosco grazie al potere dell’immaginazione… Sono proprio della mia nonna e  non ho saputo resistere: li ho conservati e ho pensato di tingerne una parte, per prendere nelle mie mani il testimone della nonna Flora, che ho poco conosciuta ma che ho riconosciuta in questi merletti ingialliti dal tempo… Quindi ho preparato questo bagno di colore così concentrato pensando proprio a loro, i centrini ritrovati!  Una favola tutta rosa… intenso!
Ho immerso nel bagno di tintura i centrini ritrovati e una matassina di lana a campione preventivamente mordenzati,  e li ho lasciati sobbollire per circa 30- 40 minuti; ho lasciato che l’intero contenuto del pentolino si freddasse per l’intera notte (se volete anche per più tempo, così le fibre assorbono ancor meglio il colore!)  e il giorno seguente, dopo aver fatto asciugare all’ombra, il risultato era questo…

Un lilla tenue ma deciso, come il ricordo della nonna…
Se il bagno di colore che ottieni è molto concentrato, utilizzalo ancora per una seconda immersione di tessuti/filati… il lilla violaceo si trasformerà in rosa acceso!

 

TI E’ PIACIUTA LA NOSTRA POZIONE MAGICA DI COLORE?

E ricorda che sarà un bellissimo colore, unico e irripetibile

NON  RESTA CHE SCEGLIERE:

DI CHE COLORE è IL TUO Ben_ESSERE?

 

SE VUOI ESSERE AGGIORNATA SULLE PROSSIME RICETTE DI TINTURA NATURALE DEL percorso ben_ESSERE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

L’APPUNTAMENTO E’ IL PRIMO MERCOLEDI’ DI OGNI MESE

TI ASPETTO!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *