AVOCADO, FRUTTO ESOTICO COLORATO

L’AVOCADO E’ UN FRUTTO ESOTICO DALLE TANTISSIME PROPRIETA’ NUTRIZIONALI… MA LA SUA BUCCIA COLORATA NUTRIRA’ LE NOSTRE TINTURE NATURALI?

Lo ammetto, è la prima volta che sperimento la tintura di AVOCADO, ma non ho saputo resistere alla tentazione della sua buccia, così carica di colore e promettente che ho dovuto provare! E per iniziare ho utilizzato, oltre alla buccia,  anche i noccioli…

Un colore gentile e delicato, rosa antico del tutto inaspettato!


PREPARAZIONE: 30 min + tempo di posa  COTTURA: 1h c.ca  DIFFICOLTA’: bassa  COSTO: medio


TINTURA DI AVOCADO_ INGREDIENTI

PER TINGERE 50 GR DI TESSUTI/FILATI

  • bucce e noccioli di 6 frutti di avocado medio per un totale di circa 200 gr di materiale secco
  • acqua 0,750 litro circa
  • 50 gr di tessuti/filati già mordenzati (se non sai come mordenzare il tuo materiale, leggi QUI, troverai sia il procedimento di mordenzatura con allume di rocca che con latte di soia)

TINTURA DI AVOCADO_PROCEDIMENTO

PER PREPARARE LA TINTURA  sarete molto avvantaggiate se vi piace il guacamole, la famosa salsa messicana conosciuta in tutto il mondo il cui ingrediente fondamentale è proprio l’avocado. Io, a dire il vero,  non ne vado pazza. Infatti il mio stimolo principale all’acquisto dell’avocado è il colore della sua buccia e non il suo sapore… Quando si dice si mangia con gli occhi ! Quando raramente mi capita di cucinarlo in compagnia, dopo averlo sbucciato e dopo aver trattenuto il nocciolo io son già sazia e soddisfatta ne assaggio solo un cucchiaino… ma è un frutto così bello e colorato!
Guardando le dosi degli ingredienti necessari avrete notato che occorrono molti frutti per tingere una piccola quantità di tessuto/filati.  Ho pensato perciò che vi potrebbe essere utile una serie di ricette alimentari per invogliarvi a collezionare una quantità discreta di bucce e noccioli …

E buon appetito!

La buccia dell’avocado va dal verde al viola intenso della piena maturazione: FANTATICO, come avere un arcobaleno appoggiato sulla credenza! Ogni volta che ne apri anche solo uno, conserva buccia e noccioli, li potrai usare tutti insieme quando ne avrai abbastanza per il tuo progetto di tintura. Io son riuscita a metterne insieme solo 6, ma qualcosa si può fare…  INIZIAMO CON LO SMINUZZARE BUCCIA E NOCCIOLI:  procedere  a frantumare con le mani la buccia dell’avocado, sia quella più invecchiata e croccante che quella più fresca e malleabile; poi con l’aiuto di un coltello si comincia a tagliare i noccioli, facendo molta attenzione a quelli più secchi e duri… un altro metodo, per agire in maggior sicurezza, è quello di coprire con uno strofinaccio tutti i noccioli batterli con un batticarne o un martello… aprendo lo strofinaccio avrete un bel battuto di noccioli pronto per essere messo in pentola in ammollo in 1 litro circa di acqua…

GIA’ A FREDDO E DOPO POCHI SECONDI VEDRETE L’ACQUA TINGERSI DI UN ROSA ARANCIATO… FANTASTICO!    

Come al solito, non resta che mettere al fuoco e far bollire lentamente e a fuoco basso per circa un ora il nostro impiastro e questo è il risultato… dobbiamo filtrare tutto con una garza di cotone posta sopra al colino in modo da estrarre quanto più colore possibile…

 Adesso immergiamo il nostro materiale già mordenzato e vediamo cosa ci riserva l’avocado…    Questa volta, oltre al solito campioncino di tessuto di cotone  e alla matassina di lana, ho aggiunto alcune collanine tubolari che ho realizzato con il telaio Caterinetta: quella bianca è in canapa e le atre, più scure sono in lino naturale… PROVIAMO! 

mordenzare prima di tingere!

Dopo aver lasciato tutto in pentola dentro al bagno di tintura per circa 1 ora a sobbollire, e aver lasciato freddare il materiale per l’intera notte, il risultato è questo…
Le collane in lino grezzo non hanno cambiato granché il loro colore… erano troppo scure e forse io son stata troppo ottimista riguardo alla potenzialità della tintura… OCCORRONO PIU’ AVOCADO!

La collana in canapa però mi ha dato molta soddisfazione, con un rosa antico che si è depositato in maniera uniforme lungo tutto il tubolare… poi c’è il cotone che non si sbilancia mai troppo e infine la lana, che come sempre è la più generosa e carica di colore… OLE’!

TI E’ PIACIUTO IL NOSTRO ESOTICO BAGNO DI COLORE?

E ricorda che sarà un bellissimo colore, unico e irripetibile

NON  RESTA CHE SCEGLIERE:

DI CHE COLORE è IL TUO Ben_ESSERE?

SE VUOI ESSERE AGGIORNATA SULLE PROSSIME RICETTE DI TINTURA NATURALE DEL percorso ben_ESSERE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

L’APPUNTAMENTO E’ IL PRIMO MERCOLEDI’ DI OGNI MESE

TI ASPETTO!

2 thoughts on “AVOCADO, FRUTTO ESOTICO COLORATO

  1. molto bella e piacevole coinvolgente la tua descrizione della tintura…….. mai mangiato nè comprato avocado (preferisco i frutti indigeni) ma per il colore si può fare …… sulla lana che mordente hai utilizzato?

    1. Grazie Giovanna per il tuo apprezzamento, mi fa molto piacere… scoprire di non essere la sola a cedere facilmente al fascino dei frutti esotici!! Questa volta ho utilizzato il latte di soia per mordenzare… ma spesso utilizzo allume e cremor tartaro.
      Se decidi di provare, mi raccomando, aggiornami sui risultati
      A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *